Continua fino al 30 agosto la mostra Da Cimabue a Morandi. Felsina Pittrice, curata da Vittorio Sgarbi nelle sale di Palazzo Fava a Bologna.

English version →

 

«… guarda ‘sta gente, ‘sta fauna. Questa è la mia vita: non è niente.»

La grande bellezza (mymovies.it)Ha ragione Carlo Verdone, il film di Paolo Sorrentino non è su Roma. Racconta l’umanità, non la città. Al massimo rappresenta l’Italia, tutta l’Italia. Per questo avrebbero potuto ambientarlo ovunque, anche a Milano. Ma La grande bellezza mostra il barocco di oggi e Milano col barocco — di ieri — non c’entra. Roma è lo scenario perfetto, magnifico e tragico. Scenario, però, nient’altro.

Barocco, inteso come forma vistosa, eccessiva, anche di cattivo gusto. Barocco come contrasto, tra viluppi estetici e contenuti radi. Roma, appunto. La Roma delle fontane, delle piazze, delle chiese, mirabilmente confuse e pesanti e allegoriche. Eppure grandiose, quindi efficaci a coprire, a simulare. Oggi scenario notturno di femmine tacco sedici, maschi da palestra, auto lussuose. Un apparente, solo apparente contrasto tra il barocco di ieri e quello di oggi. Come se il tempo, da solo, potesse colmare i vuoti di contenuto. Lo stesso fine, ieri e oggi: abbagliare, perché non si veda oltre. Continua »