Se Berlusconi è il diavolo vuol dire che in Italia l’entità malefica è binaria, perché D’Alema lo è pure. Entrambi hanno causato lo sfascio del Paese negli ultimi vent’anni, ma hanno ancora un consenso che li tiene nelle prime file della politica nazionale. Insomma, diavolo o no, con i due bisogna fare i conti. Non è un mio auspicio, piuttosto un dato di fatto. Continua »

Le vicende italiane degli ultimi mesi hanno ricordato e confermato che la carta stampata e le televisioni sono soggetti politici della vita pubblica nazionale. Semplificando: l’informazione fa politica, quindi è parziale; non racconta la realtà, ma la parte di essa che le conviene. Continua »

Essere sorpresi no, certo, ma irritati si e anche parecchio.

La discussione immediatamente successiva all’esito delle elezioni politiche di domenica e lunedì ha come centro la necessità che il M5S voti la fiducia in parlamento a un governo Bersani. Continua »

L’anno scorso, dopo le elezioni amministrative, ho scritto che avrei scommesso sul centrodestra per le elezioni politiche.1 Se avessi puntato davvero… Continua »

Nei giorni della campagna elettorale ora conclusa, il Movimento 5 Stelle ha riempito le piazze italiane di persone invece che di bandiere. Attraverso Beppe Grillo ha incitato i cittadini all’impegno e non alla delega, ha discusso dei problemi quotidiani non di ideologie, è riuscito a superare la vecchia e sterile contrapposizione destra-sinistra.

Legittimo non è solo legale. Il M5S e Grillo hanno vinto a prescindere dai voti che arriveranno domani e dopodomani, sono la novità e l’entusiasmo della politica italiana. Ieri sera l’Italia era a Roma in Piazza San Giovanni.

Ecco il video.

stampa

Movimento 5 Stelle (beppegrillo.it)La campagna elettorale per le elezioni politiche di domenica e lunedì è giunta al termine. È stata, com’è naturale, un riflesso della cultura, della società, dell’economia italiana di questi anni. Ha deluso, quindi, perché mentre il Paese vive una crisi grave, mentre invoca un cambiamento — che tanti segni annunciano anche —, la politica ha messo in scena argomenti, atteggiamenti e programmi vecchi e per questo del tutto sterili. Continua »

Mario Monti (agenda-monti.it)La conferenza stampa di fine anno del prof. Monti e il suo contributo Un’agenda per un impegno comune credo siano il tentativo più autorevole e quindi più concreto di andare oltre la politica italiana attuale. Che significa: oltre la politica italiana degli ultimi vent’anni. Per un sito come secolnovo.it, che osserva e indica soprattutto il nuovo possibile, si tratta di un fatto di assoluto rilievo. Continua »

Movimento 5 Stelle (beppegrillo.it)Da due giorni è all’attenzione dell’informazione ciò che ha detto a telecamera spenta Giovanni Favia, giovane consigliere regionale in Emilia-Romagna del Movimento 5 Stelle. Finita l’intervista, spenta la telecamera ma non il microfono, Favia ha offerto al giornalista un caffé «per lo sbattimento» e uno sfogo ‘per la carriera’. Ha parlato della mancanza di democrazia nel Movimento e in particolare contro Gianroberto Casaleggio.

Il fatto è del maggio scorso, ma è stato proposto giovedì sera, 6 settembre, da Corrado Formigli su La7.

Ecco la trascrizione delle parole del consigliere regionale Favia. Continua »

L’Istituto Cattaneo di Bologna ha pubblicato ieri alcune analisi sui risultati del voto amministrativo del 6 e 7 maggio. Si tratta di elaborazioni sui dati dei 24 comuni capoluogo,1 che indicano le differenze di consenso avuto da ciascun soggetto politico presente nella contesa rispetto alle elezioni regionali del 2010. Continua »

I primi risultati delle elezioni amministrative in Italia confermano le facili previsioni di frammentazione del voto. Nei comuni in cui si è votato i candidati sono stati davvero numerosi, per cui è chiaro che la frammentazione era molto probabile. Continua »