La morte di Umberto Eco ha portato o riportato l’attenzione sulla semiotica e sul medioevo, una disciplina e un’epoca che sono stati gli ambiti in cui egli ha operato, come docente e come romanziere. In genere li si considera separatamente, la semiotica dal medioevo e viceversa, trascurando così le analogie che possono esserci e che sono evidenti proprio nell’opera di Eco. Il punto di incontro più noto è Il nome della rosa, romanzo del 1980, anch’esso tornato ad una maggiore attenzione in queste settimane.

Continua »

Dopo una settimana di «Je suis Charlie» è arrivato il giorno di «Ecco Charlie».

Raffinato il realismo umoristico del titolo con cui «Libération» è uscito oggi, annunciando il primo numero del foglio satirico dopo l’attentato: «Je suis en kiosque». Quasi una resa dei conti, che alcuni si aspettavano nei confronti dei terroristi e dell’islam, ma che invece è con i tanti che si sono detti «Charlie» a parole: e ora?

Continua »

English version ?

C’è chi studia una lingua per fini pratici, come la ricerca di un lavoro all’estero, la realizzazione di una storia d’amore internazionale o semplicemente un viaggio in terre esotiche. C’è chi studia le lingue perché funzionano come porta d’ingresso principale per le rispettive letterature e culture in cui ci si vuole immergere. Ci sono quelli che guardano alla moltitudine delle lingue come manifestazione della facoltà umana del linguaggio, che è una sola per l’intera specie. Tutti questi, siano essi glottofili, o interpreti, o linguisti, sarebbero d’accordo nel dire che la lingua, come veicolo, o sistema, o modello computazionale, o facoltà neuronale, esiste se ne esistono (o sono esistiti) dei parlanti. Continua »

Continua, celebrato e solenne, il costante isocronismo del pendolo. Il pendolo come la rosa — «Salviti il ciel…». La rosa come il pendolo.

Nel gran campo della letteratura sono spuntati a un tratto un roseto nominalista di monaci medievali e l’enigmatico albero delle sefirot. Non esisteva un ordine che legasse gli accadimenti sui quali ha indagato Guglielmo e non esiste il piano dei templari, che è una pura invenzione di Casaubon e compagni. Le cose e gli eventi sono e basta e non rimandano ad alcunché. Sunt flatus vocis universalia. È buio.

Continua »