I titoli di coda della serie televisiva di Rai 1 I Medici iniziano con una avvertenza che generalmente si trova alla fine e che in questo caso, invece, è collocata in maggior evidenza ed è scritta in modo più articolato del solito, ma in caratteri talmente minuscoli e visibile per un tempo talmente breve da essere praticamente illeggibile. Per questo l’ho trascritta integralmente.

 

Seppur ispirati a fatti realmente accaduti, nomi, eventi e personaggi presenti nella fiction sono di fantasia, frutto della libera espressione artistica degli autori. Pertanto ogni riferimento a fatti, luoghi e persone realmente esistenti è del tutto casuale.

 

Continua »

The spreading of misinformation online, La diffusione della disinformazione in rete è il titolo di uno studio pubblicato il 4 gennaio su PNAS, rivista online dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti d’America. Gli autori sono italiani, ricercatori dell’IMT di Lucca, guidati da Walter Quattrociocchi. Lo studio è stato condotto attraverso «a massive quantitative analysis of Facebook» e ha mostrato come, attraverso i social media, online è favorita l’aggregazione di soggetti che la pensano allo stesso modo piuttosto che il confronto tra punti di vista diversi — «the aggregation of people around common interests, worldviews, and narratives», «l’aggregazione di individui intorno a interessi comuni, visioni del mondo, e narrazioni.»

Continua »

Ci sono volti e nomi che considero emblemi della vittoria tedesca al mondiale di calcio brasiliano. Mesut Özil, Jérôme Boateng, Sami Khedira. Non perché siano calciatori determinanti o, eventualmente, non solo e non tanto per questo. Khedira non ha neanche giocato la finale per problemi muscolari. Essi rappresentano la diversità nell’unità. Özil è di padre turco, Boateng di padre ganese, Khedira di padre tunisino. Insieme a Schweinsteiger, Thomas Müller, Hummels e gli altri sono la Germania campione, la Germania di oggi. Provenienze, storie, vite diverse, unite sotto la stessa bandiera, nel caso della coppa del mondo di calcio, dentro la stessa maglia.

Continua »

Differenziare differire (Marchionni-Bellumore)Introduzione. Fondamento. Prolegomeni.

Tutto ha un inizio, ma non sempre la consapevolezza accompagna i primi passi. La consapevolezza che, quando c’è ed è dichiarata, indica il rapporto dell’idea con il tempo. Un procedere che è divenire, un inizio niente affatto inerzia, ma preludio. È la prima espressione di un’idea che vuole il suo compimento e sa di doverlo cercare in un tempo indefinito. È arte. Sentimento, riflessione, espressione, pathos.

Continua »